Un'altra grande giornata di lotte a Piacenza 1

Dopo il 10 febbraio anche ieri Piacenza si è riempita di chi non vuole nemmeno sentir parlare di razzismo e fascismo (che sia di strada o istituzionale), di persone che non cederanno mai al ricatto di questure e prefetture.
Ieri in piazza c’era la Piacenza migliore: dai migranti ai ragazzi ed alle ragazze con la pelle bianca ma solidali e ribelli, esattamente come i migranti sfruttati, ricattati ed arrestati.
Centinaia di pugni chiusi per Moustafa, per Soumaila, per tutti i compagni in carcere.

Avanti tutta!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento