2016-08 volantino generale NAP

Rilancio una nota diffusa dal NAP riguardo alla congiuntura politica estiva…

1)Come NAP abbiamo sostenuto (e fatto sostenere dai nostri progetti o gruppi amici) principalmente tre battaglie di questa estate, trascorsa a cavallo fra il sonno della politica e la rabbia del sociale:
-la resistenza all’occupazione militare che lo stato attua in Val Susa;
-la battaglia per la libertà di movimento a Ventimiglia;
-la lotta di classe davanti ai magazzini toccati dal S.I.Cobas, con particolare riguardo alla situazione di H&M Stradella, davvero straordinaria e poi estesasi ai magazzini XPO (suo partner logistico) in tutta Italia (anche Piacenza).
2)La Val Susa è una resistenza di lunga data, ma che ai più giovani continua a trasmettere il senso della dignità contro i soprusi dello stato e l’importanza dell’organizzazione coniugata al conflitto e alla dimensione popolare;
la seconda -Ventimiglia- è paradigma del mondo contemporaneo e frutto delle sue contraddizioni: prisma da cui mettere a fuoco degli elementi distinti ma connessi:
-le contraddizioni del capitale nella politica internazionale (guerre e migrazioni) e nello squilibrio economico (migrazioni economiche),
-le relazioni di potere alla base della governamentalità interna (cooperazione, buisness dell’accoglienza e repressione)
-le sue falle e risposte scomposte (i migranti passano e lo stato reagisce con la brutalità o le falsità giornalistiche, dagli “artigli di Freddy Krueger da usare contro la polizia” ai “reduci delle YPG pronti a combattere sugli scogli”).
3)la terza battaglia, quella della lotta economica sui luoghi di lavoro, la ben conosciamo da anni a Piacenza e vogliamo ribadire che non di sola lotta economica trattasi: prima di tutto perchè il blocco dei flussi delle merci e del capitale è per noi azione direttamente politica, in secondo luogo perchè è la falsificazione materiale di tutte le teorie razziste sul “non ci stiamo tutti”/”ci rubano il lavoro”/”prima gli italiani” (lottando insieme si migliorano le condizioni di tutti, dalla TNT con il suo 95% di immigrati ad H&M col suo 90% di italiani) e il terreno in cui un blocco sociale ormai non più neonato si sta formando le ossa e sta acquisendo coscienza di classe.
Per questo, da settembre, saremo più determinati che mai nel favorire la prosecuzione e la generalizzazione delle lezioni apprese in queste tre battaglie. Gli equilibri politici, ed anche quelli sociali, non sono MAI eterni e qualcosa cambierà. Possiamo dire con serietà di stare accompagnando la nascita della forza (per ora solo sociale e non ancora politica, per ora chiamata teppa, negri, teppisti, estremisti, per ora insonne davanti a un cancello o sporca a dormire su uno scoglio) che ucciderà questo mondo di ingiustizia e sopraffazione.
Ai nostri posti ci troverete.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento