Pubblicati da Controtendenza

“Giornata del Ricordo” o rigurgiti fascisti?

Un contributo da uno studente del Respighi sulla giornata del ricordo Negli ultimi giorni, in concomitanza con la “Giornata del Ricordo”, nel suo piccolo Piacenza, e così tutta Italia, ha assistito ad una vera e propria “fascistizzazione” in ambienti vicini ai giovani e, ancora più preoccupante, nelle scuole. Dai volantinaggi fuori dagli istituti e licei […]

INDIGNAZIONE: distinguere cause ed effetti

A Piacenza ha fatto particolare scalpore un’intervista del quotidiano locale a un assessore della Lega, già al centro di forti polemiche in passato per le relazioni con la galassia neonazista (giusto per capirci è stato coordinatore della serata “Defend Europe”), in cui senza tanti giri di parole declama tesi segregazioniste. Che ne sia consapevole o […]

Verso gli scioperi dell’8 e del 9 marzo!

Condividiamo e rilanciamo l’appello mosso da NON UNA DI MENO verso l’8 e il 9 marzo, due giornate di sciopero produttivo e riproduttivo che anche a Piacenza saranno fondamentali per costruire un’alternativa femminista alla violenza e allo sfruttamento. Condividiamo e rilanciamo inoltre l’appello mosso ai sindacati, ai quali chiediamo l’adesione allo sciopero del 9 marzo […]

Presidio NO TAV per Nicoletta! Liberx tuttx!

Il 30 dicembre, Nicoletta Dosio, 73 anni, professoressa di greco in pensione e attivista NO TAV è stata condotta in carcere dai carabinieri. Il motivo per cui lo Stato ancora una volta mostra i denti, dando prova della sua abilità intimidatoria e repressiva, portando una signora di 70 anni in carcere il giorno prima dell’ultimo […]

SORRY, WE FIGHT YOU!

Affinità e divergenze fra la realtà rappresentata da Ken Loach e la nostra     È in questi giorni al cinema il film di Ken Loach “Sorry we missed you”, rappresentazione ultra realistica della vita lavorativa – e non – dei corrieri, ambito di lavoro cresciuto a dismisura in tempi di Gig Economy. Per la […]

Ultima udienza per la sorveglianza speciale: noi stiamo con chi combatte l’isis!

Oggi si è svolta l’ultima udienza che vede coinvolti Jacopo, Eddi e Paolo, tre ragazzx ai quali la procura di Torino vorrebbe applicare la misura preventiva della sorveglianza speciale, perché vengono ritenuti (dal pm) socialmente pericolosi. La sorveglianza speciale é un dispositivo repressivo ideato durante il ventennio fascista appositamente per stroncare il dissenso, e viene […]